Sicurezza sulla strada. Le aziende dell’autotrasporto in aula con UNIS&F

Pubblicato il 18 maggio 2017

Il 30 settembre 2015 Unindustria Treviso e Polstrada Treviso hanno siglato un accordo per la sicurezza stradale, in virtù del quale è stato poi attivato un primo percorso di formazione organizzato e gestito da UNIS&F e che ha coinvolto oltre 30 autisti.

Hanno firmato l’intesa Maria Cristina Piovesana, Presidente di Unindustria Treviso e il Dirigente della Sezione Polizia Stradale di Treviso, Alessandro De Ruosi. Sono intervenuti il Prefetto di Treviso, Laura Lega, e il Questore di Treviso, Tommaso Cacciapaglia, che hanno espresso apprezzamento e interesse per l’iniziativa. Presente, infine, anche il Vicepresidente del Gruppo Trasporti di Unindustria Treviso, Francesco Ceccato. Questa prima attività è stata rivolta in particolare alle aziende del settore autotrasporto persone e, tra gli altri, a salire in cattedra è stato proprio  il comandante della Polizia Stradale. Obiettivo: migliorare la sicurezza con l’aggiornamento professionale per le imprese e i propri collaboratori, a vantaggio anche di una migliore circolazione stradale. Il programma si è soffermato in particolare sul codice della strada, sull’approfondimento della normativa europea in materia di tempi di guida e di riposo dei conducenti e la sicurezza stradale.

“E’ obiettivo comune delle Parti - si legge nell’accordo - promuovere iniziative e progetti di collaborazione rivolti agli utenti professionali della strada, an ...

+ maggiori dettagli

Precedenti

22/04/16 - Le aziende di Treviso al convegno di Confindustria con Fondimpresa

Volti di imprenditori trevigiani al convegno biennale del Centro Studi Confindustria che si è svolto l’8 e il 9 aprile 2016 a Parma...

24/03/16 - Materiali incontro "Cloud: stato dell’arte"

Sono a disposizione i materiali dell’incontro realizzato lo scorso 22 marzo a UNIS&F Lab “Cloud: stato dell’arte e nuovi scenari per le PMI”...

29/05/15 - Treviso in rete per i giovani: ma i giovani dove sono?

I dati sull’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani in Italia non sembrano essere incoraggianti: l’Istat lo scorso marzo ha rilevato, infatti, un tasso di disoccupazione del 43,1% tra i giovani tra i 15 e i 24 anni.

10/03/15 - E i tuoi tre numeri quali sono?

Sono sufficienti tre numeri per presentarsi in maniera completa ed efficace. Serve però saper scegliere, evidenziare i concetti più importanti da comunicare, eliminando il superfluo...