Cadere a terra e rialzarsi. Il rugby come metafora di vita

Pubblicato il 29 luglio 2013

Si è conclusa la seconda edizione del percorso esperienziale “Il Manager Rugby oriented. Come costruire un Management vincente”, promosso da UNIS&F e svoltosi nei giorni 3 e 4 luglio presso lo stadio Tarvisium Rugby A.S.D. a Treviso.

Abbiamo chiesto alla partecipante Federica Zausa (supermercati insegna CADORO), di raccontarci la sua esperienza in un percorso così intenso e particolare, che ricordiamo è adatto a tutti e non presenta elementi di pericolosità.
È stata un’esperienza bellissima, positiva e indimenticabile. Non conoscevo il rugby ed è stata una sorpresa scoprire come i valori che lo rappresentano possano essere traslati anche in ambito manageriale. Lo spirito di squadra, la capacità di lavorare per una meta comune tutti insieme, il coraggio di chiedere aiuto e di dare aiuto ci hanno insegnato a guardare le cose in modo diverso.
Ero l’unica donna a partecipare al corso ma non mi sono mai sentita diversa o svantaggiata. E questo è un messaggio importante tanto nello sport quanto nell’ambito professionale. Ognuno deve sentirsi libero di esprimere la propria personalità, perché così emergono le caratteristiche e i talenti che danno un contributo importante al raggiungimento dell’obiettivo.
Oltre all’aspetto teorico, molto chiaro e professionale, è stata proprio l’esperienza sul campo a far capire il senso di questa formazione, perché ha enfatizzato le capacità di ciascuno ed è emerso che tutti, se motivati, possono dare il meglio di sé e contribuire al successo della squadra. Nel rugby si cade, ci si rialza, ci si guarda intorno e si riparte, tutti uniti, per raggiungere la meta
”.

Tutti i partecipanti hanno concordato nel dire che si è trattato di un’esperienza dal grande valore formativo e morale, che ha offerto degli stimoli significativi per migliorare il modo di relazionarsi, creare coesione in un gruppo di lavoro e fare squadra.
Al termine delle due giornate tutti hanno espresso il loro entusiasmo per l’esperienza vissuta. “Domani torneremo al lavoro con i dolori alle gambe, ma una visione diversa che ci aiuterà a gestire in modo più positivo la situazione attuale, i momenti lavorativi e il rapporto con i colleghi, con benefici notevoli anche sul piano personale”.

Dato il successo delle prime due edizioni, è prevista una terza edizione in autunno. Questo modello esperienziale può essere replicato in qualsiasi zona d’Italia, appoggiandosi alla società sportiva più vicina alla sede dell’azienda. Si tratta di un percorso adatto sia per attività di formazione interaziendale, sia per gruppi di lavoratori appartenenti alla medesima azienda.

Per informazioni:
Tel. 0422 916469 | Fax 0422 916411
E-mail: impresa@unindustriatv.it

Commenti