CURIOSANDO 2021 – IMPARA A SCRIVERE IL MONDO: un ciclo formativo gratuito sui libri e come scriverli

Pubblicata il 12 maggio 2021

Grazie al progetto Reading at work, UNIS&F incontra una serie di scrittori provenienti da case editrici del territorio. Gli autori saranno coinvolti in una diretta, assieme a lettori e intervistatori, in cui racconteranno come nascono le storie contenute tra le pagine dei propri libri e daranno qualche pillola su come nasce e come si scrive un libro.

Gli incontri sono gratuiti, per procedere all’iscrizione basta compilare il form cliccando sul link di ciascun incontro.

20 maggio 2021 - orario 18.30/19.30
DEIR EL-MEDINA - NASCITA, SVILUPPO E DECLINO DI UN VILLAGGIO DI ARTIGIANI NELL’ANTICO EGITTO
ID webinar
782-394-347

Incontro con l’autore ANDREA TREVISANI - Edizioni Saecula

Quando gli oggetti della vita quotidiana raccontano la storia. Sepolture, incisioni, decorazioni e arredo di casa aiutano a ricostruire la vita sociale, artistica ed economica di un villaggio egiziano al tempo dei Faraoni. 

17 giugno 2021 - orario 18.30/19.30
IL CASTRATO DI VIVALDI

ID webinar
799-319-443

Incontro con l’autore GIAN DOMENICO MAZZOCATO - Biblioteca dei Leoni

Castrati, musicanti e avventurieri. Una stagione del costume europeo. Il tema del castratismo, un fenomeno che attraversa i secoli e giunge fin quasi ai nostri giorni (della voce dell’ultimo castrato della cappella Sistina, Alessandro Moreschi, possediamo perfino alcune registrazioni) di cui si conosce pochissimo.

1 luglio 2021 - orario 18.30/19.30
LA FABBRICA DEI RICORDI

ID webinar
323-290-507

Incontro con l’autore DANIELE MORETTO - Piazza Editore

Martino è un imprenditore veneto che si è fatto da sé e che in casa di riposo rivede la sua vita assieme ai suoi coetanei. Tra orgoglio e rimpianti affiora ancora la voglia di vivere tenacemente.
L’epopea dei veneti, dal nulla al benessere ed ai suoi effetti.

15 luglio 2021 - orario 18.30/19.30
CICLISTE PER CASO

ID webinar
614-431-259

Incontro con le autrici Silvia Gottardi e Linda Ronzoni

Due donne in bicicletta per un giro d’Italia diverso dal solito, sulle tracce della prima ciclista al femminile, Alfonsina Strada, e sulle tracce delle donne forti di oggi e dei loro traguardi. "Cicliste per caso" è un progetto che parla di donne ed emancipazione, prendendo come spunto la bicicletta, uno dei simboli dell’emancipazione femminile.

 

Riferimenti:
Tiziano Casanova
Tel: 0422 916469
E-mail: cultura@unisef.it

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità
news
UNIS&F
16-06-2022
Il DPO: una figura in continua evoluzione
Sono ormai passati quattro anni dall’entrata in vigore del GDPR e, con essa, dell’obbligo ovvero dell’opportunità, in alcuni casi, della nomina del DPO. In questo senso i dati ufficiali sono incoraggianti laddove, secondo quanto diffuso dal Garante Italiano, dal 25 maggio 2018 al 31 dicembre 2021 le comunicazioni dei dati di contatto dei DPO sono state oltre 60.000. Nel mentre, le sfide nel settore della privacy si sono fatte sempre più frequenti e pressanti, dimostrando l’indiscutibile centralità della materia nella quotidianità lavorativa e l’inevitabile integrazione in azienda come presupposto imprescindibile per la sua effettiva applicazione. In tutto questo, atteso il ruolo centrale che il Responsabile della Protezione Dati assume in tale frangente, la sua nomina rappresenta un momento di strategica rilevanza. L’evoluzione della protezione dei dati in azienda, dunque, non può che passare anche attraverso l’evoluzione del ruolo del DPO, in un’ottica di maggiore autonomia, indipendenza, effettiva competenza nonché di centralità in azienda. Qualità, queste, peraltro rimarcate tanto dal nostro Garante con il suo Documento di indirizzo (Documento di indirizzo su designazione, posizione e compiti del Responsabile della Protezione dei Dati (RPD) in ambito pubblico del 29 aprile 2021), che recentemente dal Garante Francese nelle sue Linee Guida in materia (Pratical Guide Data Protection Officer del 15 marzo 2022). La nuova sfida applicativa del GDPR passa, quindi, attraverso la capacità e necessità per le imprese di valorizzare tale figura, garantendole quei presidi e quegli strumenti necessari affinché tale ruolo possa avere contezza del contesto aziendale. Solo così, infatti, il titolare stesso potrà effettivamente beneficiare del valore aggiunto derivante da un lecito trattamento dei dati, che l’apporto di questa figura consente concretamente di realizzare.   Per informazioni: Tel.: 0422 916417 E-mail: privacy@unisef.it