Sforniamo RSPP - Catalogo corsi 2021

Pubblicata il 24 marzo 2021

Cambi mansione, pensionamenti, fusioni, nuove strategie organizzative legate alla pandemia: per questi ed altri motivi, le aziende hanno necessità di formare molti nuovi RSPP e ASPP.
Quest'anno la nostra programmazione è particolarmente interessante perché consente di conseguire il requisito formativo anche rispetto ai comparti per i quali è richiesta un'integrazione specifica (moduli B SP2, SP3 e SP4).

Ecco i nostri titoli:

RSPP modulo C
13, 20, 27 aprile 2021 - orario 9.00/18.00
29 aprile 2021 - orario 9.00/13.00
UNIS&F Lab

RSPP/ASPP modulo B comune
15, 22, 27 aprile 2021 e 6, 13, 20 maggio 2021 - orario 9.00/18.00
27 Maggio 2021 - orario 9.00/13.00
Videoconferenza

RSPP/ASPP modulo B comune
18, 25 maggio 2021 e 1, 8, 15 e 22 giugno 2021 - orario 9.00/18.00
Sede di Pordenone

RSPP/ASPP modulo A
9, 16, 23 giugno 2021 - orario 9.00/18.00
29 giugno 2021 - orario 9.00/16.00
UNIS&F Lab

RSPP modulo C
10, 14, 21 giugno 2021 - orario 9.00/18.00
28 giugno 2021 - orario 9.00/13.00 - Esame orale
Videoconferenza

RSPP/ASPP modulo B-SP4 Chimico e petrolchimico
15 e 22 giugno 2021 - orario 9.00/18.00
Fòrema (PD)

RSPP/ASPP modulo B comune
7, 14, 21, 28 settembre 2021 e 5, 12 ottobre 2021 - orario 9.00/18.00
19 ottobre 2021 - orario 9.00/13.00
UNIS&F Lab

RSPP modulo C
21, 28 settembre 2021 e 5 ottobre 2021 - orario 9.00/18.00
Sede di Pordenone

RSPP modulo C
29 ottobre 2021 e 5, 12 novembre 2021 - orario 9.00/18.00
19 novembre 2021 - orario 9.00/13.00
UNIS&F Lab

RSPP/ASPP modulo A
4, 11, 18 novembre 2021 - orario 9.00/18.00
25 novembre 2021 - orario 9.00/16.00
UNIS&F Lab

RSPP/ASPP modulo B-SP3 Sanità residenziale
8, 15 e 22 novembre 2021 - orario 14.00/18.00
Fòrema (PD)

RSPP/ASPP modulo B-SP2 Cave e costruzioni
29 e 30 novembre 2021 - orario 9.00/18.00
Centro Edilizia Treviso

RSPP modulo C
2, 7, 16 dicembre 2021 - orario 9.00/18.00
20 dicembre 2021 - orario 9.00/13.00 - Esame orale
Videoconferenza

Alcune indicazioni utili tratte dalla normativa:
- alcuni titoli di laurea (es. quasi tutti gli indirizzi di ingegneria) consentono l'esonero dai moduli A e B;
- il modulo A deve essere svolto necessariamente per primo, mentre i restanti B e C possono essere svolti indifferentemente l'uno prima dell'altro;
- normalmente solo il modulo A può essere svolto in e-learning (sincrono/asincrono). Fino al perdurare dello stato di emergenza dovuto al covid, i corsi in videoconferenza sono equiparati alla presenza in aula, quindi anche i moduli B e C si possono fare a distanza. Sul periodo successivo al 30/04 siamo in attesa di conferme (o di ulteriori proroghe dello stato di emergenza).
- le scadenze per l'aggiornamento si calcolano a partire dal titolo di laurea o dall'attestato del B comune.

Ricordiamo infine che il nostro catalogo include anche vari titoli utili per l'aggiornamento, che valgono anche per l'aggiornamento dei formatori salvo attribuzione alla singola area tematica.

Per informazioni:
Federica Moino
Tel.: 0422 916456
E-mail: sicurezza@unisef.it

 

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità
news
UNIS&F
16-06-2022
Il DPO: una figura in continua evoluzione
Sono ormai passati quattro anni dall’entrata in vigore del GDPR e, con essa, dell’obbligo ovvero dell’opportunità, in alcuni casi, della nomina del DPO. In questo senso i dati ufficiali sono incoraggianti laddove, secondo quanto diffuso dal Garante Italiano, dal 25 maggio 2018 al 31 dicembre 2021 le comunicazioni dei dati di contatto dei DPO sono state oltre 60.000. Nel mentre, le sfide nel settore della privacy si sono fatte sempre più frequenti e pressanti, dimostrando l’indiscutibile centralità della materia nella quotidianità lavorativa e l’inevitabile integrazione in azienda come presupposto imprescindibile per la sua effettiva applicazione. In tutto questo, atteso il ruolo centrale che il Responsabile della Protezione Dati assume in tale frangente, la sua nomina rappresenta un momento di strategica rilevanza. L’evoluzione della protezione dei dati in azienda, dunque, non può che passare anche attraverso l’evoluzione del ruolo del DPO, in un’ottica di maggiore autonomia, indipendenza, effettiva competenza nonché di centralità in azienda. Qualità, queste, peraltro rimarcate tanto dal nostro Garante con il suo Documento di indirizzo (Documento di indirizzo su designazione, posizione e compiti del Responsabile della Protezione dei Dati (RPD) in ambito pubblico del 29 aprile 2021), che recentemente dal Garante Francese nelle sue Linee Guida in materia (Pratical Guide Data Protection Officer del 15 marzo 2022). La nuova sfida applicativa del GDPR passa, quindi, attraverso la capacità e necessità per le imprese di valorizzare tale figura, garantendole quei presidi e quegli strumenti necessari affinché tale ruolo possa avere contezza del contesto aziendale. Solo così, infatti, il titolare stesso potrà effettivamente beneficiare del valore aggiunto derivante da un lecito trattamento dei dati, che l’apporto di questa figura consente concretamente di realizzare.   Per informazioni: Tel.: 0422 916417 E-mail: privacy@unisef.it