Il momento più importante nella crescita personale e professionale di ciascuna risorsa aziendale.

formazione

UNIS&F risponde alle molteplici esigenze delle aziende proponendo diverse soluzioni formative e approfondendo tutti i temi di interesse.

Le attività contenute all'interno del Catalogo Corsi e Seminari vengono sviluppate anche per singole aziende (Commessa) o con formula "One to One".

Le metodologie didattiche applicate, di tipo attivo e interattivo, permettono di acquisire nuove competenze, sviluppare capacità di analisi e di lavoro in gruppo, di gestire processi di cambiamento, di migliorare abilità comunicative e relazionali, di intervenire sul clima aziendale, di valorizzare le conoscenze esistenti e sensibilizzare al lavoro per progetti.

scopri l'offerta formativa

catalogo corsi

Padova – Forema
Immagine corso
29-11-2021
Corso teorico-pratico per addetti ai lavori in quota. Include addestramento sui DPI di III categoria contro la caduta dall'alto ed esercitazione in campo prove.…
ADDETTI AI LAVORI IN QUOTA: FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO PER DPI DI III CATEGORIA
ONLINE
Immagine corso
30-11-2021
Corso di aggiornamento per RLS di 8 ore per aziende di Treviso e Padova con più di 50 lavoratori. Argomento di questa edizione: fattore umano e comportamenti…
AGGIORNAMENTO PER RLS (TREVISO E PADOVA) - AZIENDE CON PIÙ DI 50 LAVORATORI
ONLINE
Immagine corso
30-11-2021
Corso di aggiornamento per RLS di 4 ore per aziende di Treviso e Padova fino a 50 lavoratori. Argomento di questa edizione: fattore umano e comportamenti sicuri…
AGGIORNAMENTO PER RLS (TREVISO E PADOVA) - AZIENDE FINO A 50 LAVORATORI
Treviso – UNIS&F
Immagine corso
30-11-2021 PERCORSO
Aggiornare i processi legati agli Acquisti e fornire le giuste competenze all’attività del Procurement, significa formare un “direttore d’orchestra” che sia in grado di interagire in maniera proattiva nella…
LA TRASFORMAZIONE DEL PROCUREMENT IN “ENTE DI PROFITTO”
ONLINE
Immagine corso
01-12-2021
La ricerca qualitativa rappresenta una dimensione di analisi molto importante per raccogliere evidenze volte a migliorare l'usabilità e a ottimizzare le conversioni di un sito web, osservando e ascoltando…
TEST DI USABILITÀ E INTERVISTE
ONLINE
Immagine corso
01-12-2021
Corso valido per l'aggiornamento quinquennale dei lavoratori come da Accordo 21 dicembre 2011. È destinato prevalentemente a mansioni operative.…
AGGIORNAMENTO DELLA FORMAZIONE SPECIFICA PER LAVORATORI (MANSIONI OPERAI)
ONLINE
Immagine corso
01-12-2021
Corso base per la formazione al ruolo del preposto (caporeparto, capoturno, caposquadra, ecc.), come previsto dall'Accordo 21 dicembre 2011.…
PREPOSTI (FORMAZIONE AL RUOLO)
ONLINE
Immagine corso
01-12-2021
Apprendere i comportamenti che prevengono gli infortuni e trasmettere i principi che ispirano la normativa sulla sicurezza in forma dinamica…
LA SICUREZZA IN GIOCO
ONLINE
Immagine corso
01-12-2021
Corso di aggiornamento sul ruolo del Dirigente per adempiere all'obbligo di aggiornamento quinquennale.…
AGGIORNAMENTO PER DIRIGENTI
Nessun risultato trovato.
Image
UNIS&F LAB

Laboratorio esperienziale

Luogo esclusivo dove si innescano processi innovativi attraverso la creatività, la valorizzazione delle esperienze e della cultura condivisa che permette, attraverso la ricerca e la sperimentazione, di dare risposte concrete ai bisogni di sviluppo delle imprese.

Scopri di più
Resta sempre aggiornato sulle ultime novità
news
FORMAZIONE
28-06-2021
Sono aperte le iscrizioni per il Master in gestione del rischio penale nell’impresa
Da oggi è possibile prenotare il proprio posto per il Master:LA GESTIONE DEL RISCHIO PENALE NELL'IMPRESAvenerdì pomeriggio e sabato mattina, dal 5 novembre al 4 dicembre 2021Videoconferenza e in presenza (UNIS&F Lab, via Venzone 12, TV)Il Master, patrocinato dall’Università degli Studi di Padova, sarà diviso in dieci appuntamenti che tratteranno i seguenti argomenti, tutti sviluppati con taglio operativo, per fornire ai partecipanti gli strumenti necessari per la gestione della quotidianità operativa in azienda:1°GIORNATA: IL RISCHIO PENALE NELL’IMPRESA E LA SUA GESTIONE2°GIORNATA: I REATI TRIBUTARI3°GIORNATA: IL SISTEMA ANTICORRUZIONE4°GIORNATA: IL FALSO IN BILANCIO E L’ANTIRICICLAGGIO5°GIORNATA: IL FALLIMENTO E LE PROCEDURE CONCORSUALI6°GIORNATA: BREVETTI E MARCHI7°GIORNATA: TUTELA DEI DATI E CONTROLLO SUI LAVORATORI8°GIORNATA: SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO9°GIORNATA: DANNO AMBIENTALE E REATI AMBIENTALI10°GIORNATA: ESERCITAZIONE PRATICA, PROVA FINALEL’iniziativa sarà caratterizzata dall’intervento di docenti di alto profilo, con esperienza pluriennale sia in campo professionale che in campo didattico e accademico, individuati tra Avvocati, Magistrati, Dottori Commercialisti ed altri professionisti con significativa conoscenza dell’ambito aziendale.Il Master vedrà anche il contributo del Dott. Cantone, già presidente dell’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione), che introdurrà l’appuntamento dedicato all’anticorruzione.A questo link è possibile scaricare la brochure dedicata all’iniziativa e consultare il programma completo di ciascuna giornata, il calendario, i nomi e il curriculum dei docenti che interverranno. Per informazioni:Maria Sole VendraminTel.: 0422 916417E-mail: compliance@unisef.it
FORMAZIONE
10-06-2021
Le indicazioni della Regione Veneto per aderire alla campagna vaccinale anti-COVID19 nei luoghi di lavoro
Mentre prosegue la vaccinazione per tutta la popolazione attraverso gli hub gestiti dalle AULSS competenti per territorio secondo il Piano di vaccinazione nazionale, la Regione del Veneto ha pubblicato nel proprio sito istituzionale tutte le informazioni relative alle vaccinazioni nei luoghi di lavoro, la cui realizzazione dipende principalmente dalla disponibilità effettiva di dosi vaccinali in esubero rispetto ai fabbisogni della campagna vaccinale pubblica, nonché dalle condizioni di trasferimento dei vaccini nel rispetto della catena del freddo e dei requisiti per la loro gestione (dosaggio e divieto di accantonamento).Da questo link è possibile accedere alla documentazione e ai riferimenti per la manifestazione d’interesse; l’adesione deve essere trasmessa, utilizzando la modulistica scaricabile dal sito, alla AULSS competente per territorio e per conoscenza alla propria associazione di categoria Provinciale.La vaccinazione anti-COVID19 in ambiente di lavoro, anche se affidata al Medico Competente aziendale, rappresenta una iniziativa di sanità pubblica, finalizzata alla tutela della salute della collettività, e non attiene strettamente alla prevenzione nei luoghi di lavoro. Pertanto la responsabilità generale e la supervisione dell’intero processo rimane in capo al Servizio Sanitario Regionale, per il tramite dell’Azienda ULSS di riferimento.Per informazioni:Ufficio SicurezzaTel.: 0422 916456/451E-mail: sicurezza@unisef.it
FORMAZIONE
10-06-2021
Il ruolo del Medico Competente nelle varie fasi della pandemia: approfondimento del Garante Privacy
Il Garante Privacy ha recentemente pubblicato un approfondimento tecnico che analizza le attribuzioni del medico competente in materia di sicurezza sul luogo di lavoro, sia in situazione ordinaria che nel contesto emergenziale, ovviamente prestando particolare attenzione al tema del trattamento dei dati personali.Il medico competente, nell’esercizio della sua funzione, è espressione anche di un interesse pubblico (tutela del lavoratore e della collettività) che va oltre la sfera di competenza del datore di lavoro e ai relativi poteri. Mantiene una propria autonomia che gli consente di fare delle valutazioni che possono anche non essere allineate alle scelte organizzative e gestionali del datore di lavoro; risponde piuttosto ai principi della medicina del lavoro e del Codice etico della Commissione internazionale di salute occupazionale. Anche sul fronte della Privacy, il professionista deve trattare i dati in modo autonomo, nel rispetto della disciplina di protezione dei dati e dei principi che regolano l’attività diagnostica, delle regole di deontologia professionale, con particolare riguardo al segreto medico-paziente. È significativo ricordare che il legislatore ha regolato in modo molto preciso e dettagliato il tema della conservazione della documentazione sanitaria, in tutte le casistiche possibili (a regime, alla cessazione dell’incarico del medico competente, alla cessazione di un rapporto di lavoro, alla cessazione di attività dell'azienda).Il medico competente inoltre è tenuto a specifici obblighi di comunicazione del medico competente in favore di altri soggetti istituzionali che perseguono finalità di sanità pubblica e di prevenzione.Nei mesi di pandemia il medico competente ha assunto una posizione di maggiore centralità nel contrasto e nel contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2 nel contesto lavorativo, sia per il maggior impegno nel supportare le aziende sia nel contribuire al perseguimento degli obiettivi collettivi. Fin dalle prime settimane dell’emergenza, il Garante ha sottolineato la funzione di garanzia del medico competente nel trattamento dei dati dei lavoratori, fornendo chiarimenti e puntualizzazioni per iscritto.Come da Protocollo il Medico Competente collabora con Datore di lavoro e SPP nell’individuazione, attuazione e perfezionamento delle misure e nell’osservanza dei protocolli anticontagio, nell’informazione e formazione dei lavoratori sul rischio di contagio da SARS-CoV-2, nell’esame dei rischi riguardanti gruppi di lavoratori maggiormente esposti al contagio (es. operatori sanitari, forze dell’ordine) o in particolari situazioni di “fragilità” legata a fattori quali l’età anagrafica o a situazioni di pregressa morbilità.Il medico competente è stato chiamato a fornire indicazioni nella scelta di DPI e prodotti per l’igienizzazione. Anche le visite mediche sono intensificate per gestire i casi previsti dalla normativa, quali la riammissione in servizio del singolo lavoratore contagiato e poi negativizzato. Il medico competente infine è coinvolto nelle procedure di contact tracing per identificare, classificare e gestire i contatti in ambito lavorativo.Nell’attuale fase di vaccinazione, è opportuno chiarire che il datore di lavoro non può acquisire, neanche con il consenso del dipendente o tramite il medico compente, i nominativi del personale vaccinato o la copia delle certificazioni vaccinali, perché si tratta di dati “non pertinenti” e “non attinenti alla valutazione dell’attitudine professionale del lavoratore”. Solo nell’ambito delle professioni sanitarie (operatori di strutture sanitarie, farmacie, ecc.) la vaccinazione costituisce requisito essenziale per lo svolgimento delle prestazioni lavorative. Il medico competente può invece riservarsi di esprimere giudizi di idoneità parziale e/o inidoneità temporanee per i lavoratori non vaccinati, e anche in questo caso il dato va gestito con la dovuta riservatezza e il datore di lavoro deve limitarsi ad attuare le misure indicate dal medico competente.La vaccinazione nei luoghi di lavoro resta una "iniziativa di sanità pubblica”, riconducibile al Servizio sanitario regionale. Coerentemente, le principali attività di trattamento dati - dalla raccolta delle adesioni, alla somministrazione, alla registrazione nei sistemi regionali dell’avvenuta vaccinazione- devono essere effettuate dal medico competente o da altro personale sanitario, e il Datore di Lavoro non può chiedere di essere messo a conoscenza dell’intenzione o meno del lavoratore di aderire alla campagna, la somministrazione o meno del vaccino ovvero altri dati relativi alle condizioni di salute del lavoratore.Il testo originale è consultabile a questa pagina. Per informazioni:Ufficio SicurezzaTel.: 0422 916456/451E-mail: sicurezza@unisef.it